martedì 3 febbraio 2015

Leggerezza

Quest'anno è cominciato così. O meglio, sta prendendo questa piega.
E' cresciuta preponderante dentro di me quest'esigenza. E' nata come un sovrappensiero, come qualcosa che avverti ma a cui non dai importanza. Qualcosa che ti fa sorridere perché, conoscendoti. sai che non ne sei capace. E' qualcosa distante anni luce da te: la Leggerezza.
Con la L maiuscola.
Per una come me che vive sempre tutto all'estremo, che non conosce le mezze misure, che odia o ama con la stessa intensità, che se ci prova non lo fa a piccoli passi ma lanciandosi a folle velocità verso il burrone, la leggerezza è una dote sconosciuta.
"Lascia correre, lascia andare. Lascia che le cose accadono senza aspettarle." Mi è stato detto. E mi è stato detto proprio da chi sento di volere come si può desiderare il sole dopo mesi e mesi di pioggia.
Non l'ho presa molto bene. All'inizio mi ha fatta arrabbiare, poi ci ho riso, poi ci ho riflettuto.
Infine, ci ho provato davvero.
A vivere le giornate per quelle che sono, senza eccessive aspettative.
Sarà la scoperta dell'acqua calda per i più, ma per me assaporare la gioia di ciò che ho senza focalizzare ogni cellula del mio corpo su una sola dolorosa assenza, è una novità assoluta.
Perché in fondo è vero, certe cose devi solo avere il coraggio di lasciarle andare e dare al tempo la possibilità di fare il suo dovere.
Specialmente quando hai messo le carte in tavola, quando hai provato  il tutto e per tutto.
Allora puoi fermarti e dire a te stessa che è ora di dire basta, che farsi consumare non vale la pena.
Puoi dire a te stessa di prendere un bel respiro e dare il benvenuto alla leggerezza.
Le giornate prendono un altro sapore. 
Sorrido e lo faccio più spesso. Spesso mi ritrovo anche a sorridere a me stessa, solo per il gusto di farlo.
Vivo quello che arriva con leggerezza. Non superficialità. Solo la leggerezza giusta. Quella che ti fa godere delle cose, degli incontri, della vita senza eccessive aspettative. Quella che ti fa realizzare che non succede nulla: un errore non farà finire il mondo così come un incontro piacevole non è per forza il preludio all'amore della vita.
Quella leggerezza, mista ad un pizzico di fatalismo, che mi fa pensare "se deve accadere accade." 
Come disse un padre saggio a suo figlio "E non avere paura di perdere. Se deve succedere, succede - la cosa più importante è non avere fretta. Le cose belle non scappano.
(John Steinbeck)"
In fondo tutto questo è nato da un incontro imprevisto, inatteso, insperato. Tutto questo è nato dopo mesi passati a credere che nulla fosse accaduto, che gli fossi indifferente.
Mi sbagliavo allora e forse mi sbaglio anche adesso quando penso che tutto sia perduto.
Sicchè basta pensare. 
Vivo. Con leggerezza e sorrisi, senza aspettare ma non disperando.
Se così deve andare, troverà il modo di venire da me.

10 commenti:

  1. Vero, goditi la tua leggerezza, cercando di costruire il meglio ma senza troppe pretese^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che altro, di questa leggerezza, cerco di convincermene :)

      Elimina
  2. Ecco, questa è la svolta che dovrebbe accompagnare la vita di tutti: convincere sé stessi di poter vivere attimo dopo attimo senza dover pensare necessariamente a miliardi di altri "dopo, se e ma".
    Sono tanto contenta per te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci provo. diciamo che ci provo. Che un attimo primo urlo al mondo la mia leggerezza e l'attimo dopo sto di nuovo sbattendo la testa contro il muro... :)

      Elimina
  3. La leggerezza, quando non è suerficialità, è il filtro più bello e più giusto per affrontare la vita, secondo me! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e quanta ragione hai mia carissima Valeria!

      Elimina
  4. Vivi le tue cose in leggerezza allora, cara Streghetta :) E vedrai che, "leggermente" tutto andrà per il verso giusto, che sia quello che immagini o un'altro che ancora nemmeno sospetti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è stato al quanto profetico il tuo messaggio carissimo ;)

      Elimina
  5. Così difficile trovare un equilibrio. E la leggerezza è qualcosa a cui aspiro ancora dopo tanti anni. Mai smesso di provarci e talvolta ci sono pure riuscita.
    A presto, contenta di essere arrivata da te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariella, grazie mille per il tuo commento e.. benvenuta! :) Arrossisco sempre un po' quando qualcuno è contento di trovare questo spazio :)

      Elimina