mercoledì 7 gennaio 2015

Propositi per l'anno nuovo: zero propositi

Sicché mi par di capire che questo 2015 sia ufficialmente iniziato e, con buona pace di Marty Mcfly, non è cambiato niente.
Le scarpe non si allacciano pigiando un tasto, non andiamo in giro su skateboard volanti ed io sono incasinata esattamente come sei giorni fa.
Non sono mai stata una fan di bilanci di fine anno e non ne farò.
Che bilanci dovrei fare? E' stato un anno faticoso, pesante, difficile. E' cominciato con l'arrivo inaspettato di P. Era il 30 dicembre 2013 quindi, tecnicamente, si può dire che ho cominciato il 2014 con lui.
8 mesi di spremute di cuore fino a lasciarlo esangue, fino a far pace con l'idea di lasciar andare, lasciar scorrere. Ho chiuso quella porta con la risolutezza di chi sa che di più non può, che non c'è più nulla per cui lottare se non la propria sopravvivenza. E non mi sono voltata indietro, mai.
E poi sono stati giorni uguali ad altri giorni.
Ci sono state due cose belle, molto belle, quest'anno.
La prima, la più grande, è aver conosciuto la mia anima gemella. Incontro avvenuto proprio qui su questo blog. Ci separano circa 800km ma io l'ho sentita vicinissima da subito. Ormai sa praticamente tutto di me anche le cose che ho pudore a raccontare persino alla mia migliore amica. E' una donna meravigliosa. Presente, ironica, pungente, tenerissima e dotata di un'intelligenza acuta. Una di quelle rare persone che hanno il meraviglioso dono di non farti sentire mai giudicata, qualsiasi cosa tu confessi.
Mi sento fortunata di averla incontrata, la mia M., la mia adorata M.
L'altra cosa è che al lavoro ho ottenuto una bella promozione. Sudata, sudatissima, ma è arrivata. Sentire il mio capo dire che "l'azienda si considera fortunata ad avermi", credo sia stata la cosa più bella in assoluto che le mie orecchie abbiano mai sentito...
A conti fatti è stato un anno difficile per il mio povero cuore ammaccato ma ci sono state cose belle. Gli amici di sempre sono sempre lì. Qualcuno è finalmente felice dopo tanto tempo e vedere quegli occhi nuovamente accesi è un'emozione pura.
E poi ci sono i nuovi arrivati come la mia M.
E uomini che sono passati e andati via senza lasciare troppi strascichi come M. (si ok stessa lettera ma persone diverse. eh :) che per quanto la mia M sia una donna bellissima io sono ancora inesorabilmente etero ahahah. ok chiusa la divagazione).
M. Quella coperta troppo corta. E' andato via. Una sera ha incontrato qualcuna e ha capito che il nostro rapporto, almeno in quella forma, doveva finire. Ci sono state parole, lunghi, lunghissimi baci dell'addio, lacrime. Ma è giusto così. Non ero innamorata di lui nè lui di me. Credo di aver pianto per orgoglio, non per dolore.
In realtà sono contenta per lui se lei o chissà chi altra, gli darà quel che cerca. Perché io proprio non posso. E sono anche sollevata, in verità, che sia stato lui. Non avrei retto all'idea di spezzargli il cuore.
E se lui si fosse innamorato davvero gliel'avrei spezzato inesorabilmente. Perché il mio cuore é incatenato a quel principe incontrato a quella festa.
Ho imparato una cosa quest'anno. Puoi vivere la vita che vuoi, puoi essere chi vuoi. Puoi essere una ragazza dolce e bon ton o una stronza, cinica e tutta d'un pezzo come me. Puoi essere una che sorride quando vede le coppiette che si baciano o fingere un conato come capita a me davanti alle effusioni stucchevoli.
Puoi fare e dire ciò che vuoi, ma l'amore è beffardo. Capita. Capita che una sera i tuoi occhi cadano nello sguardo di qualcuno e la tua vita non sarà più la stessa.
I miei occhi sono affogati nel mare nero dei suoi e il mio cuore è rimasto lì nel suo abbraccio in quella stanza in penombra in un tempo sospeso dal tempo.
Avere lui accanto e non accorgersi del mondo intorno che si muove. Non l'avevo mai provato prima.
Chiudere gli occhi e sentire ancora la pelle che brucia nei punti in cui l'hanno sfiorata le sue labbra.
Sentire ancora fra le dita la morbidezza dei suoi capelli e la sua voce che mi accarezza.
E aspettare. Aspettarlo ogni giorno ignorando il nodo che mi stringe la gola.
Urlare il suo nome nella mia testa fino a non poterne più e chiedermi se sia normale tutto questo sentire.
C'è una canzone che parla di lui, di quel che sento. Non era il mio cantante preferito e non sono una che diventa fan post-mortem. Ma tant'è le parole di questa canzone me le sento cucite addosso. Ogni singola parola descrive quel che sento per lui.

E' normale essere così tanto sopraffatti da qualcuno che la nostra vita l'ha solo sfiorata?
Forse sto impazzendo.
Più che probabile.
Come dicevo, non ho buoni propositi per quest'anno nuovo. Che poi è anche inutile che io li faccia vista la mia abilità nel disattenderli.
Ho solo me, il mio cuore testardo e degli amici meravigliosi.
Direi che ho (quasi) tutto quello che mi serve.


12 commenti:

  1. È stato un anno difficile ma dicono tutti che un giorno capiremo. Non so, io se non ci sono numeri di mezzo è difficile che riceva improvvise folgorazioni sui significati dei brutti momenti, ma non si può mai dire. Posso dire però che sono felice di essere stata al tuo fianco nell'anno passato e non ho intenzione di andarmene da questo cantuccio fatto di focaccia e p (molte p, le tue, le mie, e quelle che si (p)erdono nei messaggi). ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la genialità del tuo commento è meravigliosa :) <3<3 ti adoro

      Elimina
  2. un giorno, da qualche parte, ho sentito o ho letto che nessuno ha prove che non può superare, ragion per la quale credo che tutte le difficoltà che hai affrontato potrebbero portarti alla felicità...
    ti auguro realizzazione, ed il fatto che tu non abbia fatto propositi ti porterà molto molto bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo sia così carissima Pata! :) un abbraccio

      Elimina
  3. Sì, hai tutto quello che ti serve per affrontare questo 2015. E vedrai che sarà un anno fantastico, emozionante.

    Moz-

    RispondiElimina
  4. me lo sento.. :) grazie carissimo

    RispondiElimina
  5. Alla fine i buoni propositi vengono spesso disillusi da chiunque, quindi hai fatto bene a non programmarne.

    E' possibile lasciarsi (s)travolgere da qualcuno che era lì 'solo di passaggio' (che detta così suona male, ma sono certa che capirai il senso), e forse succede perché in fondo sentiamo che ci ha lasciato un insegnamento profondo.
    Magari non oggi, ma forse tra qualche mese, tra qualche anno, ti renderai conto che il vuoto che ti ha lasciato non era necessariamente quello della perdita dell'amore della vita, quanto quello della consapevolezza di essere cresciuta un po' di più.

    Buon 2015, che tutto quello che non hai programmato si realizzi lasciandoti più gioia di quello che invece ti aspettavi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paoletta :)
      Comunque, il mio post non vuole lanciare il messaggio che il mio "principe" sia per me l'amore della vita. Io neanche ci credo all'amore per la vita. E' solo qualcuno che è riuscito a toccare una corda profonda dentro di me, ad entrarmi sotto pelle. Ed io vorrei solo poterlo vivere, solo ancora un po'.
      Non so se accadrà o se, lentamente, lascerò andare. Ma per ora è così e mi va bene.
      Buon anno a te carissima, un abbraccio

      Elimina
  6. Buon 2015 ;) Che quello che non hai programmato possa arrivare e sorprenderti, intanto comunque, come dicevi in chiusura, hai diverse cose belle, preziose e importanti per star bene, con te stessa e con chi hai e ti ha a cuore ;)

    RispondiElimina
  7. Ti te mi piace moltissimo una cosa, soprattutto: la visceralità, la totalità dei tuoi sentimenti. Bellissimo.
    Ti bacio, buon 2015. ;*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara che cosa bella bellissima da dirmi! :)
      Buon anno, un bacione!

      Elimina