domenica 26 maggio 2013

Ha senso aspettarti ancora?

E alla fine, dopo una settimana, questa mattina apro gli occhi e trovo la tua email.
Io che sono un bradipo e ci metto in media un'ora e mezza prima di ricordarmi le nozioni base tipo nome, luogo e data, solo intravedendo il tuo nome in neretto tra le email non lette mi sveglio di colpo.
Bam. Lucida, presente.
Con le mani tremanti ci clicco sopra pronta a leggere qualcosa di brutto. Perchè lo so che non può essere qualcosa di bello. Non è mai qualcosa di bello. E poi se fosse stato bello non avremmo avuto neanche bisogno di un'email. Ci saremmo sentiti per rivederci e punto.
Che poi io ho l'istinto per ste cose. Quelle che i miei amici chiamano "paranoie" alla fine si dimostrano solo verità. E' che le persone le sento, le capisco. Capisco mondi interi dietro un gesto insignificante, ascoltando il tono usato per dire qualcosa di apparentemente sciocco. Soprattutto capisco il mondo che c'è dietro le cose non dette e i gesti non fatti.
E con te avevo capito. Solo che avevo bisogno di sentirmelo dire da te. Forse, per una volta, sotto sotto speravo di sbagliarmi. Forse, per una volta, avrei tanto voluto che le cose andassero bene.
Perchè tu mi piaci porca trottola e io lo so che ora mi ci vorrà tanto tempo per togliermi dal cuore l'idea di te. E so che quando incontrerò qualcuno penserò "sì ma non sei lui".
E accidenti a te.
Perchè lo sai come si dice, un amore non vissuto dura molto di più di un amore finito. Perchè rimani nella sfera dell'ideale. Rimani ancorato nel "poteva essere, chissà come sarebbe stato".
E la tua email io me la sono letta all'infinito:

"Ciao xxxxx,
ti chiedo scusa per il ritardo, è appena terminata una settimana pienissima.

Mi avevi scritto un messaggio molto bello che sicuramente avrebbe meritato una risposta altrettanto bella e e immediata.

Ma avevo bisogno di pensarci un po' perché mi sono ripromesso di non fare danni.
La sera che siamo usciti insieme sono stato bene, sei simpatica, affettuosa, appassionata e acuta. sai metterti in gioco.

Io cerco sempre di essere altrettanto ed effettivamente ci siamo un po' coinvolti l'uno con l'altro.
Così tanto che ho vissuto alcune sensazioni di complicità e di intesa che non vivevo da un po'.

Tuttavia mi sono anche reso conto che non ho la mente sgombra, alla mia veneranda età dovrei forse averla, essere più razionale e capire che devo proiettarmi al futuro, aprirmi, e non al passato.

Ma non sono sicuro di esserlo e quindi vorrei evitare la situazione in cui questo coinvolgimento cresce e poi non sono in grado di sostenerlo ed esserci completamente. Mi è già successo in passato e non sono situazioni che mi sono piaciute e non mi è piaciuto che l'altra persona ci sia rimasta male.

So che così rinuncio a quella passione e a quell'attrazione che c'è e che certamente in un primo momento potrebbe nascondere il resto e farci vivere dei bei momenti... E mi dispiace molto rinunciarci, ma non voglio nemmeno fare un passo insieme e poi farti ritrovare da sola.
Non voglio apparirti come quello che ne approfitta.

Adesso va così, domani non lo so.

Spero che tu possa capire questa mia posizione, non so se è quella giusta, è quella che sento di dover assumere per rispetto nei tuoi confronti anche se so che non ti fa piacere leggere queste cose.

Mi dispiace, ti abbraccio come quella sera."

Io non ti ho risposto. Cosa c'è da rispondere ad un messaggio così? Quello che vorrei risponderti in realtà sono solo domande. Tipo, "se non vuoi aprirti al futuro che cavolo ci esci a fare con una donna? Ci voleva una settimana per dirmi sta roba? Questo vuol dire che finisce qui? Che senso ha precludersi qualcosa a priori?"

Ma cosa otterrei oltre ad una denuncia per stalking?
Sicchè me ne resto qui a farmene una ragione.
Di certo io gli uomini non li capisco proprio.



12 commenti:

  1. ho provato a dire, a ragionare. a spiattellare qui la verità ruvida e gratuita (per me) che si intravede.
    ma non è questo che serve, vero?

    RispondiElimina
  2. invece si. Mi serve. soprattutto se viene dal punto di vista di un uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va bene, ma è una responsabilità.. ho riletto per bene.
      la nostra magica Lisa potrebbe dirti che di quella lettera tutto quello che viene scritta prima del "ma" o del "tuttavia" ( e ci sono entrambi) devi prenderlo come lo zucchero che serve a deglutire una pillola amara. io posso dire che c'è impegno, c'è attenzione e c'è delicatezza. l'autore è una persona sensibile, il che non è necessariamente una buona notizia..
      però devo farti leggere in chiaro quello che non leggi, e che forse non leggerai comunque:
      è stata una settimana pienissima significa che è stata una settimana piena di cose più importanti che scriverti, o come sono più propenso a credere, gli ci è voluta una settimana per decidersi a scriverti, perché lui è sensibile certo, ma forse anche un po' vigliacco.
      ma la cosa più importante viene dopo: sei simpatica, affettuosa, appassionata e acuta. sai metterti in gioco.
      queste non sono parole di uno che ti vuole...
      ma la buona notizia è che dici una cosa non vera quando dici che chiunque incontrerai lo metterai sulla graticola di un "sì ma non sei lui". o meglio, pù che non vera è incompleta, perchè un giorno troverai uno cui dirai: "sì ma non sei lui, PER FORTUNA). ;)

      Elimina
    2. Ti ringrazio per aver accettato la responsabilità di dirmi il tuo pensiero. È quello che i miei amici, con altre parole a volte meno delicate, mi stanno dicendo da due giorni. Forse mi sono concentrata tanto su suoi "mi dispiace rinunciare" e ho perso di vista il succo reale delle sue parole. È che sono tanto testarda e non riesco ad accettare di essermi sbagliata su di lui. Soprattutto avrei preferito un "non mi piaci". Meno delicato certo ma facile da recepire. Anche se ha fatto tutto lui e ha fatto altre cose che non ho scritto qui che non lasciavano affatto immaginare un epilogo di questo genere. Hai ragione nel dire che prima o poi dirò "non è lui per fortuna". Mi serve solo del tempo per togliermelo dalla testa. Grazie per le tue parole, l'ho davvero apprezzato tanto.

      Elimina
  3. ahi ahi ahi.
    Buona sbronza per stasera e per domani!!!
    Terribile. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È davvero così terribile? Forse sono un'ingenua sognatrice però bo.. Continuo a pensare che almeno non ha fatto lo scemo, almeno non ha finto di frequentarmi un mese i due per poi dirmi che era confuso . ( e di appartenenti al genere maschile di questa sorta ne ho conosciuti). Il suo messaggio mi ha fatto pensare che non mi sbagliavo su di lui e che magari è solo questione di tempi che non coincidono. Sono irrecuperabile eh?

      Elimina
  4. Scusa l'intromissione da parte di una sconosciuta, ma ho letto il tuo post e ho letto i commenti, in particolare quello di red, su cui concordo in toto.
    Sarà perché un qualcosa di molto simile mi è capitato, sarà perché mi ha indorato vigliaccamente la pillola facendo il carino e l'affettuoso, il premuroso che da lì a poco è sparito del tutto. Sarà che per qualche mese ho continuato a dirmi quello che dici tu "avrebbe potuto approfittarne e non lo ha fatto, è stato molto delicato, magari non è il momento giusto".
    Beh tutte palle.
    A distanza di tempo, per un puro caso, mi è capitato di ritrovarmici faccia a faccia e ho capito che tutte le belle frasi erano solo belle frasi per togliere il disturbo e allontanarsi.
    Perché se senti un'attrazione irrefrenabile per qualcuno, se senti trasporto ti ci butti e basta.
    Senza i "non vorrei poi non concentrarmi su di te", "non vorrei vederti soffrire", "non vorrei tirarmi indietro poi e farti soffrire".
    E' un vigliacco che ti indora la pillola così per potersi allontanare.

    Ah ... per un po' ho pensato anche io ... "tu non sei lui", ma poi dopo poco tempo ho capito che era un emerito pirla. E fortunatamente per me ha tolto il disturbo.

    Ti auguro, sinceramente, di superare al più presto questa fase.

    ("Adesso va così, domani non so" ... questa è la parte più da stronzi.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna intromissione, sei la benvenuta. Le tue parole, come quelle di Red, bruciano come schiaffi. Bruciano perché in questo momento sono ancora nella fase della speranza. Sono sotto le coperte e sto rimandando la sveglia per concedermi ancora 2 minuti di sogno. Ma non si può dormire per sempre e prima o poi bisogna affrontare la realtà. La realtà è quella di cui parlate voi e presto o tardi l'affronterò. Grazie per esservi presi la briga di leggermi e di dirmi la verità.

      Elimina
  5. ehi, è cambiato tutto in così pochi mesi? dai, allora vuol dire che c'è speranza. basta dare alla vita il tempo di un altro giro di ruota. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì. Ma forse stavo meglio prima! :P

      Elimina